giovedì, agosto 16, 2007

Anatomia della forchetta

Oggi ho scoperto perchè la forchetta ha i denti curvi. Esattamente nel momento in cui mi sono trovata a dover mangiare con una forchetta con i denti dritti e ciò mi ha costretto a dover alzare il braccio sinistro per puntare tutti i pezzi di pomodoro e mozzarella. Ho consumato molte energie per fare ciò e quindi ho pensato che a volte diamo per scontate un sacco di cose.
Come appunto la forma della forchetta.
Forse sono solo pensieri di un silenzioso e vuoto 16 agosto.
Sento l'eco delle persone che prendono il sole in spiaggia e giocano a schizzarsi l'acqua sulla riva del mare.
E il pac pac delle palline sui racchettoni.
Traparentesi io odio il gioco dei racchettoni. Tendenzialemnte odio tutto ciò che mi costringe a muovere più di un arto alla volta in spiaggia. Tipo giocare a pallavolo. Che proprio quando ti sei sistemata tutto l'asciugamanino perfetto, togliendo la sabbia e puntando gli angoli con le pietre, dopo che hai fatto una doccia rinfrescante e ti sei cosparsa di olio strasuperabbronzante, hai legato i capelli, ti sei accomodata e quasi sdraiata con l'idea di abbandonare tutti i pensieri proprio ai piedi dell'asciugamano, e ti sei sfilata le spalline del reggiseno del bikini, ecco proprio in quel momento arriva il tuo amico e ti dice "oh dai non fare la larva, vieni a giocare a pallavolo" e te cazzo, per non fare la smorbia, rispondi con uno smagliante sorriso "si arrivo subito" e ti chiedi perchè ogni tanto non ti è concesso l'utilizzo del superpotere dell'invisibilità.
Tutta questa inattività cerebrale di questo periodo non fa altro che alimentare la mia disfunzione cervello-pensiero, pensiero-parola.
Più che mai le parole che mi escono dalla bocca, non centrano un cazzo con quello che sto pensando.
Tutti sono via, tutti sono al mare, tutti sono in montagna, tutti sono in Croazia. Io sono in ufficio.
Mi sembra di essere in un film muto. Neanche le foglie attaccate agli alberi, spinte dal vento, fanno rumore.
Forse dovrei usare la forchetta dai denti dritti per tenere qualche pensiero furbo attaccato al cervello.

3 commenti:

Stefania ha detto...

Dai Patty non buttarti giù! C'è anche la tua compagna di stanza Stea chiusa in casa a studiare Filosofia della Scienza (non poteva esistere materia più stupida). Immagino che in Croazia allora le partite di pallavolo siano state la tua gioia! Come per tutte le persone sul bagno asciuga che puntulamente cercavamo di menomare ;)Bacetto!

the muffin woman pat ha detto...

hem chi mi conosce sa quanto sono antisportiva:) e anticompetitiva:) ma non si vedeva la mia gioia nell'alzarmi dall'asciugamano?
vabbè dai alla fine ero sempre la prima che si ritirava dal gioco :D
ma filosofia della scienza che è ? a me sembra che le due cose non vadano tanto d'accordo"

Stefania ha detto...

E' tutta una mega sega mentale che parla dell'analogia tra mente e computer e dell'intelligenza artificiale..........per il tipo di psicologa che voglio diventare non centra proprio niente!