mercoledì, novembre 26, 2008

Tapis-roulant

Oggi mentre camminavo su questa strada per andare in ufficio, mentre osservavo l'asfalto scorrere sotto le mie scarpe, che mi sembrava di essere su un tapis-roulant gigante, mi è venuto in mente un pezzo di una canzone.
Questo:

"C'è solo la strada su cui puoi contare
la strada è l'unica salvezza
c'è solo la voglia e il bisogno di uscire
di esporsi nella strada e nella piazza
perché il giudizio universale
non passa per le case
le case dove noi ci nascondiamo
bisogna ritornare nella strada
nella strada per conoscere chi siamo.

C'è solo la strada su cui puoi contare
la strada è l'unica salvezza
c'è solo la voglia e il bisogno di uscire
di esporsi nella strada, nella piazza
perché il giudizio universale
non passa per le case
e gli angeli non danno appuntamenti
e anche nelle case più spaziose
non c'è spazio per verifiche e confronti"

7 commenti:

Igor ha detto...

Immenso Giorgio Gaber....

the muffin woman pat ha detto...

mannaggia io non sono mai stata in grado di associare la conzone al cantante:)

sottiletta ha detto...

viale davanti all'oviesse??? :)

Balza ha detto...

a me sembra invece il viale che costeggia il Volta..:)

Punzy ha detto...

a me sembra una delle strade devastate dell'urbe...

the muffin woman pat ha detto...

sotti ti sei avvicinata, ma balza ci ha preso in pieno:))

a me piace un sacco perchè è una specie di scorciatoia.

sottiletta ha detto...

beh, non mi è mai piaciuto il volta, si sa :)))