lunedì, marzo 02, 2009

Chi cerca trova.

Ci sono tre cose che puntualmente perdo nella mia casa.
E sono:
-gli occhiali
-il cellulare
-le chiavi di casa e/o della macchina

gli occhiali
Gi occhiali quando li perdo, vivo un dramma perchè io sono un pò miope e quindi senza occhiali ho un raggio d'azione limitato, perchè poi tutte le cose mi sembrano occhiali e non è che se sono sulla porta della sala posso buttare l'occhio, scusate il gioco di parole, sul tavolino. No io ci devo andare vicino al tavolino per vedere se c'è qualcosa sopra. E così mi devo passare le mensole, il tavolo della cucina, il tavolino all'ingresso, il poggiatutto in bagno, in cucina, dopo di che mi toccano i posti piu' assurdi tipo le mensole altissime, dentro i mobili della cucina, dentro i cassetti e dentro l'armadio...
Perchè oltre a essere miope sono distratta e questo binomio è la cosa peggiore.

il cellulare
Quando ero a casa vecchia era un attimo, prendevo il telefono fisso e mi chiamavo. Poi vabbè magari 5 minuti dopo richiamavo mia mamma e le dicevo "mamma ma mi hai chiamata?" ma questa è un'altra storia.
Se invece avevo il vibracall inserito (perchè a me la suoneria in realtà da un pò sui nervi, soprattutto quando sono in treno) allora dicevo a tutti "ora dovreste fare silenzio che devo percepire da dove arriva la vibrazione". E tutti ovviamente continuavano a fare casino.
A casa nuova non ho il fisso e così quando perdo il telefono devo iniziare a pregare che qualcuno mi chiami. O se magari sono in bagno e mi arriva l'sms e il telefono sta indicativamente nei pressi della cucina, porcamiseria oramai ho perso l'attimo. Io ci provo a tenerlo in un posto fisso, ma il telefono si sposta da solo, lo giuro. Si mette sotto la roba da stirare, dentro al letto, sotto il letto, in bagno dove ci sono le forcine, nel divano, in mezzo ai telecomandi, dentro ai cassetti, ...
Sarà colpa del vibracall...

le chiavi di casa e/o della macchina
Con le chiavi ho un pessimo rapporto. Ne sono consapevole, tant'è vero che tutte le mie chiavi sono fornite di portachiavi da collo lunghissimo.
Le mie chiavi sono compari del telefono. Si vanno a inziccare (verbo siciliano che significa "infilare con ostinatezza") ovunque tranne che nel porta-chiavi che c'è all'ingresso. Una volta sono state dietro la tv per giorni e giorni; qualcuno si ricorderà delle chiavi della macchina ritrovate dopo quasi un anno dietro la cassettiera dell'ufficio...
Oggi la mia amica ha trovato quelle di casa attaccate fuori dalla porta.
A volte mi devo girare tutti i cappotti, tutte le giacche, tutti i portaoggetti, sul letto, sotto il letto, sul divano, in cucina, tra la biancheria da stirare, prima di trovarle.

Il problema sorge poi quando sto per uscire e nell'ordine non trovo gli occhiali, il telefono e le chiavi. E questo non è per giustificarmi dei miei ritardi. Diciamo che contribuiscono.

Quindi io volevo chiedere al signor Beghelli:
Signor Beghelli, per cortesia, per favore, io la prego davvero...può costruire un aggeggio con tre pulsantoni di plastica collegati rispettivamente al telefono, agli occhiali e alle chiavi, che premendoli mi fanno suonare i tre oggetti?
Poi vabbè se volesse fare la versione multipla io ci collegherei anche il portafoglio, la borsa il cappotto, le scarpe, il caricabatterie del telefono, la borsa da lavoro, le forbici, la matita per gli occhi, le bollette, la carta d'identità, il portafoglio, la crema per le mani, i calzini...

14 commenti:

maria rosaria rossini ha detto...

quando non li trovi da nessuna parte devi guardare dove hai iniziato a cercarli... prima non c'erano,poi, quando sei impazzita perlustrando tutta la casa loro vanno a mettersi proprio dove avevi già controllato: è una scienza esatta!-)))

Dual ha detto...

Non sei la sola...Io sono ordinato nel mio disordine..:)
Un buon inizio settimana..Dual.

Minu ha detto...

dio come mi riconosco anche in questo posto.. io aggiungerei il badge.
Quando lavoravo erano note le mie due frasi cult
1) 'sta cazzo di alpignano (cittadina dalla viabilità pessima)

2) aiutatemi a cercare il badge, soprattutto al momento di andare via, i miei straordinari erano dovuti alla ricerca del badge non a motivazioni lavorative...

the muffin woman pat ha detto...

marirose (ti posso chiamare marirose?:))
non sai quante volte mi ripercorro mentalmente i percorsi fatti col cell in mano che poi a un tratto non trovo più, per scopreire con sorpresa di averlo appoggiato nel mobiletto dei detersivi, perchè mentre mandavo un sms stavo avviando la lavatirice:)
comunque io di solito dico: giuro non c'era li prima, lo giuro lo giuro.

dual benvenuto. o bentornato:) non ricordo:)) anche io trovo tutto nel mio disordine. cioè più o meno. nel senso che io ho la memoria fotografica. se vedi la mia scrivania, ti spaventi.
ad esempio io potrei dirti esattaemnte cosa c'è oggi sulla sedia dei vestiti. poi vabbè mi confondo se cambio i posti.

minu
ecco a me quando danno qualcosa di nuovo dico "ecco, questa è una cosa nuova da perdere"
tip ora mi devono dare il cellulare "aziendale"
ho già l'ansia.

the muffin woman pat ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Miele ha detto...

è troppo carino leggerti..

s.

the muffin woman pat ha detto...

grazie miele.:)
allora resta:)

Anonimo ha detto...

mi casa es tua casa????
mannaggia patty....

the muffin woman pat ha detto...

fra lo sai che esagero sempre:)) ma magari la prossima volta evito di lasciare le chiavi fuori dalla porta:)

Miranda ha detto...

Se il Signor Beghelli provvede ne ordino anch'io un paio...noooooo, non perchè son disordinata, così, per scrupolo....

Punzy ha detto...

sono i folletti, pat
stì cazzo di folletti

the muffin woman pat ha detto...

miranda io penso che il signor beghelli farebbe fortuna già solo con me. n.d.r. nel frattempo ho perso la carta di identità.

punzy puoi dire ai folletti tu che hai piu' confidenza di farmi riapparire la carta di identità?

sgaran ha detto...

patti rinuncia... mi ha chiamata il signor Beghelli...dice che poi perderesti il ritrova oggetti smarriti ;)

the muffin woman pat ha detto...

signor beghelli non le dia retta per favore.